Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito web utilizza i cookies anche di terze parti per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere installati questi tipi di cookies sul proprio dispositivo.

    View Privacy Policy

    View e-Privacy Directive Documents

CURVARE LA LUCE PDF Stampa E-mail
Scritto da Admin   
Martedì 26 Gennaio 2010 20:57

Sapevate che la luce può essere curvata?

immagine nodo luce

Se pensate agli specchi che deviano in fascio di luce, siete fuori strada. Quelli semmai la riflettono angolandola a piacere, ma i raggi della luce sono e rimangono perfettamente dritti senza curve.

La curvatura a cui mi riferisco a dell'incredibile.

La luce può essere curvata facendo addirittura dei nodi con i fasci. Un gruppo di ricercatori delle Università di Bristol, Glasgow e Southampton è riuscito in questo intento.

Il controllo di questa tecnologia può avere ottime e significative implicazioni nelle tecnologie laser.

Vediamo come sia possibile tutto ciò...

In un fascio luminoso il flusso della luce attraverso lo spazio è molto simile a quello dell'acqua in un fiume. Per quanto in genere la luce fluisca in linea retta da una lampada, un puntatore laser, ecc., può anche formare mulinelli, lungo linee che sono chiamate 'vortici ottici',  spiega Mark Dennis.

Lungo queste linee dei vortici ottici l'intensità della luce è zero. La luce attorno a noi è colma di queste linee oscure, anche se noi non possiamo vederle.
I vortici ottici possono essere creati con ologrammi che dirigono il flusso di luce. Sfruttando i risultati della teoria matematica dei nodi, in questo lavoro i ricercatori sono riusciti a progettare particolari ologrammi che hanno permesso loro di creare dei nodi nei vortici ottici.

La sofisticata progettazione di questi ologrammi richiesti per la dimostrazione sperimentale della possibilità di creare dei nodi con la luce, mostra la possibilità di un controllo ottico avanzato che indubbiamente potrà essere utilizzato nelle apparecchiature laser del futuro, ha osservato Miles Padgett, che ha diretto la ricerca.

Lo studio dei vortici annodati fu intrapreso per la prima volta da Lord Kelvin nel 1867 quando propose un modello geometrico dei nodi basato appunto sui vortici. Questo lavoro apre un nuovo capitolo in quella storia, ha commentato Mark Dennis.

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Febbraio 2010 16:09
 

Copyright ©xnotar 2002-2017 all right reserved