Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito web utilizza i cookies anche di terze parti per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere installati questi tipi di cookies sul proprio dispositivo.

    View Privacy Policy

    View e-Privacy Directive Documents

AEROBATICS PDF Stampa E-mail
Scritto da Admin   
Mercoledì 14 Aprile 2010 18:20

ALLA FACCIA DEGLI ALIANTI...

Avrete visto sicuramente volare in TV o dal vero degli alianti, quindi sapete benissimo che l'efficienza di questi aeromobili è veramente impressionante, basti pennsare che nella "classe libera" si arriva ad efficienze di 50 - 60, vale a dire che con un metro di altezza dal terreno e con la velocità dminima di sostentamento (variabile per ogni macchina di diverso peso ed apertura alare) si possono raggiungere distanze lineari di planata comprese per l'appunto tra i 50 ed i 60 metri. Quindi conti alla mano con 1000 metri si possono percorrere distanze di 50/60 Km lineari senza contare ovviamente le termiche (correnti calde ascensionali) che si incontrano durante il volo, con le quali alcuni recorman hanno percorso anche più di 1000 chilometri, proprio come fanno i rapaci (vi ricordate gli avvoltoi sopra willy il coyote che giravano in tondo? Termicavano per rimanere in quota senza battere le ali).

È impensabile dunque credere che un aereo, che ha un peso massimo al decollo molto superiore ad un aliante (dovuto al/ai motori ed il carburante), possa raggiungere tali prestazioni. In effetti gli aerei, per concezione, devono volare per trasferimenti con il motore sempre acceso e solamente nel malaugurato caso di guasto a quest'ultimo, possono planare per poter riappoggiare in sicurezza le ruote a terra, ma chiaramente  se non si ha una quota piuttosto alta (in base al territorio sorvolato) sicuramente ci si troverà ad affrontare un'emergenza impegnativa data dal fatto che il pilota in pochissimo tempo deve decidere dove atterrare e soprattutto deve essere sicuro di arrivarci, tenendo conto anche della direzione ed intensità del vento (che lo ricordiamo, per chi non lo sapesse, deve essere frontale sia in decollo che in atterraggio). Aimè queste condizioni, durante un'emergenza non sono sempre favorevoli, quindi anche solo una virata di 180° per allineare l'aeromobile con l'improvisata pista di emergenza può far perdere metri preziosi.

Ci sono poi aeroplani che sono più o meno performanti e addirittura acrobatici, ma difficilmente se ne trovano alcuni con tutte queste caratteristiche contemporaneamente.

Il video qui sotto (postato anche nella nostra videogallery, nella categoria "AEREI") ha dell'incredibile. Un aereo "Bimotore" ad ala alta e di dimensioni considerevoli non ha nulla da invidiare ad un aliante. Non mi credete vero? ...Ed allora guardatelo nel video, NON CREDERETE AI VOSTRI OCCHI!

Gli intenditori di volo sicuramente non avranno dubbi!

L'aereo in questione è un Shrike Commande con il quale Bob Hoover ha fatto sognare migliaia di persone durante le sue esibizioni pubbliche.

P.S.: qualcuno di voi forse si starà chiedendo ...Si ma allora gli elicotteri come fanno se gli si spegne il motore, CADONO COME I SASSI???

Questo è un argomento completamente diverso che vi spiegherò in un futuro prossimo articolo. Per ora accontentatevi solo di sapere che, come per gli aerei, anche gli elicotteri possono planare (anche se con eficienze bassissime rispetto ai velivoli ad ala fissa) tramite l'innesco di una manovra chiamata "AUTOROTAZIONE".

[Nota: Dal minuto 2:10 il video si fa molto interessante!!!]

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Aprile 2010 21:23
 

Copyright ©xnotar 2002-2017 all right reserved