Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito web utilizza i cookies anche di terze parti per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere installati questi tipi di cookies sul proprio dispositivo.

    View Privacy Policy

    View e-Privacy Directive Documents

AUTO ELETTRICHE PDF Stampa E-mail
Scritto da Admin   
Mercoledì 01 Febbraio 2012 15:23

 

MINCHIA CHE NERVI !!!

Chi mi conosce, sa che amo le auto elettriche, spero in futuro di riuscire ad acquistarmene una, per ora mi accontento (si fa per dire) di una Toyota Prius (chi non mi conosceva, ora lo sa).

Noto che tra tutte le marche di automobili, la Renault è l'unica che produce e vende già da alcuni mesi, diversi modelli della "gamma elettriche" con il nome ZE.

Ovviamente mi sono posto alcune domande, ad esempio...  Perchè le altre case costruttrici stentano a partire con queste auto?

Ma la cosa strana che non riuscivo proprio a capire, è... Perchè la Renault non vende, insieme al veicolo, la relativa batteria? La stessa  viene noleggiata dalla casa automobilistica al prezzo di 70€ al mese (correggetemi se sbaglio).

Tra le varie motivazioni che mi sono dato e che ho sentito in giro, la più accreditata è che la batteria ha un costo non indifferente, perciò viene noleggiata. In questo modo si ha la certezza che quando si esaurisce (o se si guastasse), viene sostituita dalla casa automobilistica gratuitamente.

Minchiaaa...!!! Alla Renault sono dei veri geni, ci vengono incontro pensando al nostro portafogli. Mantengono il prezzo più basso di parecchio rispetto ai concorrenti e noi la ripaghiamo poco alla volta con la garanzia di avere sempre una batteria funzionante. GENIALE!!!


Fin qui il discorso fila liscio come l'olio o almeno credevo...

Ripensandoci sopra poi mi sono detto: "oh cacchio! Alla Renault si sono bevuti il cervello!" Se la batteria si esaurisse in 5 anni, la Renault avrebbe incassato 4.200 euro, che è più o meno il prezzo di una batteria nuova, ma ne avrebbe anticipato una, quindi sarebbe in perdita, mentre se durasse 10 anni allora pareggierebbe i prezzi, ma dubito che si arrivi a 10 anni di prestazioni ottimali con le attuali batterie. Quindi perchè tutto sto giro? Che senso ha?

Oggi, dopo aver letto il documento che segue (inviatomi dall'amico Filippo), ho capito che probabilmente le cose non stanno proprio come sembrano, anzi la cosa puzza di marcio. Però voglio pensare che forse sono solo io il malfidente, quindi lascio a voi le conclusioni, perchè le mie potrebbero essere affrettate.

Il documento originale è in ".ppt" (Power Point) e lo potete scaricare dal link che trovate alla fine dell'articolo. Io ho estratto solamente il testo ed eliminato l'ultima parte (che nell'originale troverete insieme alle immagini) dove si dice di far girare questo documento. Ovviamente anch'io vi consiglio di farlo girare il più possibile, magari linkando questo articolo, così fate prima.

eccovi il contenuto...

 



 

Sicuramente avrai già sentito gli effetti della contaminazione dell’aria che respiriamo ogni giorno che passa. (Specialmente nelle grandi città).

In alcuni centri come Città del Messico, Santiago, Mosca,ecc... le radio lanciano questi avvisi:

 

  • Attenzione, oggi il livello di inquinamento è alto.

  • Anziani e bambini non devono usciredi casa.

  • Coloro che praticano degli sport non devono farli oggi.

  • Gli asmatici devono utillizzare delle bombole portatili di ossigeno.

  • La maggioranza delle persone deve utilizzare una mascherina.

 

Per risolvere questa situazione, che comincia ad essere una calamità mondiale, è già esestita una soluzione! Non ci credi?

 

Nel 1996, le  prime auto elettriche prodotte in serie, le EV1 (Electric Vehicle 1), furono fabbricate negli USA dalla General Motors e circolarono per le strade della California.

 

Erano auto veloci: passavano da 0 a 100 km/h in meno di 9 secondi !

 

Ed erano molto silenziose !
Non producevano nessun tipo di inquinamento (e neppure avevano il tubo di scappamento).
Erano facilmente ricaricabili con energia elettrica nel garage di casa.

 

 

 

Dieci anni dopo queste auto del futuro sparirono.
Come può essere possibile?

 

  • In primo luogo queste auto non potevano essere comprate, ma solo noleggiate. [NOTA: Ora iniziate a capire perchè mi puzza la Renault con il noleggio delle batterie].

  • I contratti di noleggio non vennero semplicemente rinnovati.

  • La General Motors recuperò tutte le EV1, nonostante l'opposizione dei suoi utenti, e dopo furono...

 

…DISTRUTTE… [NOTA: Le immagini dell'originale fanno innervosire anche i più calmi].

 

 

 

  • Nel 1997, la Nissan presentò il modello elettrico Hypermini nel salone di Tokyo.

  • Il municipio della citta di Pasadena (California USA) adottò queste auto come veicolo professionale per i suoi dipendenti.

 

Erano molto apprezzate per la loro facilità di manovra e parcheggio ed anche per la loro efficienza di movimento dentro la città.

 

  • Nell'agosto del 2006, andò a termine il contratto di noleggio delle auto tra il Municipio di Pasadena e la Nissan.

 

Il municipio tentò di comprare le auto, ma la Nissan non lo permise.

 

  • La Nissan ritirò tutte le auto per...

 

...DISTRUGGERLE !

 

  • Nel 2003, la Toyota decise di iniziare la produzione del RAV4-EV. (EV= Veicolo Elettrico)

  • Questa 4x4 elettrica, un prodotto di alta raffinatezza tecnologica, era stata molto apprezzata dai suoi utenti fin dal 1997.

  • Il costo di ricarica era di US$ 0,09 per kilowatt/ora, vale a dire, una ricarica completa del veicolo costava $ 2,70.

  • Nel 2005 i contratti di noleggio andarono a scadenza.

  • La Toyota immediatamente si prodigò a recuperare tutte queste auto per... [NOTA: indovinate un pò... ...BRAVISSIMI]!

 

...DISTRUGGERLE !

 

  • Allora alcuni cittadini USA decisero di organizzarsi:

  • Venne creata l'associazione "Don'tCrush" per tentare di salvare le RAV4-EV.

  • Questa associazione esercitò pressioni sulla Toyota per 3 mesi.

  • Finalmente VITTORIA! La Toyota autorizzò le persone che avevano noleggiato queste auto, a comprarle.

  • Tuttavia, la linea fu tolta dalla produzione e la batteria NiMH EV-95 non venne mai più prodotta. Perchè? [NOTA: Mi torna in mente ancora la Renault, chissà perchè?]

  • Nel 2005 la fusione commerciale Chevron - Texaco comprò il brevetto della batteria per US$ 30 milioni e smantellò la fabbrica.  [NOTA: chissà poi perchè?...Mah!]

  • Curiosamente, mentre i veicoli elettrici venivano distrutti in massa, quelli a combustione erano ben protetti.

 

 

 

  • Nel Giugno del 2001, Jeffrey Luers di 23 anni, attivista USA per la difesa delle foreste, ebbe una triste esperienza.

  • Egli fu condannato a 22 anni e 8 mesi di prigione per aver bruciato 3 Hummer’s (auto americane, uguali a quelle dell’esercito che consumano molto combustibile).

  • Lui volle esprimere con questo gesto la minaccia rappresentata per il nostro pianeta da questi mostri ultra inquinanti e consumatori.

 

Le "lobbies" delle grandi compagnie petrolifere non vogliono che i veicoli elettrici sopravvivano e così stanno facendo guerre nel Medio Oriente a causa del petrolio e ammazzano persone in tutto il mondo... Con l'inquinamento dei combustibili!

 


Ma non esiste solamente la tecnologia dell’auto elettrica…

 

  • La BMW ha un’automobile commerciale a base di idrogeno. Da circa 10 anni!

  • Il Governatore della California, il famoso attore Arnold Schwarzenegger, guida una Hummer.  Ad idrogeno!

  • L’anno prima fu presentata al pubblico la Genepax, la prima e unica auto che funziona col vapore acqueo.

  • Sì, hai letto bene, questa auto funziona unicamente con l’acqua!

  • E non è tutto, l’acqua che utilizza non deve neppure essere filtrata in alcuna misura, ed è capace di fare 80km/h con un litro d’acqua.

 

Allora…

 

  • Come può essere possibile che queste auto non vengano promosse a livello mondiale?  Queste auto dovrebbero sostituire quelle a combustione interna già da molti anni…

  • L’auto a idrogeno produce come rifiuto il vapore acqueo. Questo significa che è totalmente libera da inquinamento e utilizza l’aria come materia prima per il combustibile, una fonte gratuita di combustibile.

 

Altro ancora: sai che più di 100 anni fa un geniale scienziato Nikola Tesla trovò il modo di far muovere un motore (o una turbina ecc.) con l'"Energia libera" che non usa nè acqua nè idrogeno come fonte d'impulsi ma solamente dei magneti?

 

Oggi la tecnologia dell'"Energia Libera" si trova sufficientemente sviluppata dagli scienziati indipendenti, al punto che con uno di questi motori magnetici si potrebbe muovere un'auto dalla Patagonia fino all'alaska, senza utilizzare una goccia di combustibile! Nella rete web si trovano disponibili i piani necessari per sviluppare questa prodigiosa tecnologia che, se fosse applicata, abbasserebbe il costo della vita di un 80%! ...

 

L'abbondanza per tutti!... E perchè non si applica?

 

Per colpa della medesima mafia bancaria e petroliera che controlla il pianeta!

 

Ti immagini quanto varrebbe il barile di petrolio se non fosse utilizzato per muovere le automobili ed i camion? La minor domanda farebbe abbassare di molto i prezzi…

 

  • Ti sei reso conto che una commissione del Congresso USA concluse che il prezzo del petrolio cadrebbe a meno di $ 65 per barile – meno della metà del prezzo attuale - se non ci fossero gli speculatori?

  • Tra gli speculatori ci sono i grandi fondi di investimento dei grandi capitali USA ed europei.

 

Sai a chi non interessa che scenda il prezzo del petrolio?

 

  • Alle gigantesche corporazioni petrolifere che controllano i legislatori degli USA e dell’Europa mediante il potere del denaro che possiedono…

  • Ai grandi capitali familiari che controllano molte industrie gigantesche multi dipendenti dal petrolio, come la famiglia Bush – ex - presidente USA -, Rockefeller, Rothschild,  la famiglia reale inglese, ecc.

 

Sai che i biocombustibili fanno perpetuare l’uso del petrolio?
Gli oli si mescolano col petrolio per “abbassare il consumo del medesimo”… facendo così lo si tiene come il principale fornitore di combustibile per le auto ed i camion.  Intelligenti questi tipi, non lo credi?

 

  • Inoltre l’uso del grano e gli oli per il biocombustibile ha favorito la scalata dei prezzi nei grani basici che hanno impattato a livello mondiale… così che i grandi capitali lo comprano nella borsa dei valori in “acquisti a future merci…”

  • Inoltre l’uso dei grani ed oli per il biocombustibile implica che si continuino a tagliare i boschi per produrre più materia prima necessaria ad essere mescolata col petrolio.

 



 

Clicca qui per scaricare il file originale in .ppt (PowerPoint).

 



 

 

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Febbraio 2012 19:52
 

Copyright ©xnotar 2002-2017 all right reserved